È ORA DISPONIBILE LA NUOVA APP
INVESTOR RELATIONS DI MONCLER

L’Azienda, in linea con la gestione responsabile del proprio business e gli obiettivi del Piano Strategico di Sostenibilità Moncler Born To Protect, è impegnata anche nella riduzione dei consumi di materiali per il packaging.

La carta e il cartone, impiegati per le attività di ufficio o per i packaging di prodotto, sono oggetto di progetti di miglioramento, con riferimento alla certificazione di provenienza, alla percentuale di materiale riciclato contenuto e, ove possibile, alla limitazione dell’utilizzo fino alla raccolta differenziata finalizzata al riciclo.

Continua l’azione di promozione a livello mondiale dell’utilizzo di carta proveniente da fonti responsabili, ovvero fonti che garantiscono una gestione delle foreste rispettosa dell’ambiente. Come conseguenza di questo impegno congiunto, già a partire dal 2017, circa il 100% di carta utilizzata negli uffici e nei negozi proviene da fonti responsabili e la totalità dei materiali logati utilizzati nel mondo è realizzata con carta prodotta senza cloro elementare (Elemental Chlorine Free – ECF), proveniente da fonti responsabili e, per quasi il 100%, da stabilimenti produttivi certificati ISO 14001. Negli uffici è stata totalmente eliminata la plastica vergine monouso di origine fossile.

Per quanto riguarda il packaging, le scatole di confezionamento utilizzate in logistica sono composte da carta/cartone proveniente da fonti responsabili per la quasi totalità

mentre tutte le shopping bag sono realizzate con carta 100% da fonti responsabili, di cui il 40% derivata da materia prima riciclata, e cartoncino di rinforzo proveniente al 100% da fonti responsabili di cui circa il 70% derivato da materia prima riciclata.

Inoltre, tutta la carta termica presente nelle sedi e nei negozi del mondo è “BPA-FREE” come da normativa entrata in vigore nel 2020 che vieta l’utilizzo di Bisfenolo. L’impatto della plastica sull’ambiente è ormai diventato un tema molto importante per il nostro pianeta per il quale anche Moncler sente di dover contribuire attraverso impegni concreti seppur rappresenti una percentuale contenuta, pari al 16%, del proprio packaging. È obiettivo dell’Azienda ridurre progressivamente l’utilizzo della plastica convenzionale monouso, fino ad arrivare alla sua completa eliminazione entro il 2023.

Se da un lato l’Azienda sta riducendo l’impiego della plastica nel packaging quando tale materiale non è necessario o di limitarne la grammatura (ad esempio riducendo lo spessore), dall’altro sta analizzando materiali alternativi e innovativi come le bio-plastiche (derivanti da fonti vegetali e non di origine fossile), materiali compostabili, biodegradabili e plastiche riciclate. Per tale motivo, vengono allocati annualmente investimenti in Ricerca e Sviluppo al fine di sondare e identificare soluzioni a basso impatto ambientale. Inoltre, consapevole dell’importanza

di agire sulla riduzione degli impatti ambientali fin dalla fase di eco-design, quando possibile, Moncler si impegna sia a realizzare packaging mono materiali o facilmente disassemblabili per favorirne la riciclabilità, che a progettare soluzioni che possano essere riutilizzabili. Le shopping bag e il packaging utilizzato nell’e-commerce sono realizzati con materiali sostenibili e riciclabili. Nel 2020 Moncler, in collaborazione con il Politecnico di Milano, ha svolto un progetto di ricerca per identificare, attraverso un’analisi di Life Cycle Assessment, la miglior alternativa dal punto di vista ambientale e tecnico-prestazionale alla plastica convenzionale monouso. Sulla base di quanto emerso dallo studio, che ha evidenziato come migliore alternativa la plastica riciclata, l’Azienda ha avviato un processo di sostituzione che ha portato ad avere nel corso dell’anno il 60% della plastica totale riciclata. In generale Moncler ha anche ridotto del 21% l’uso della plastica nel packaging rispetto al 2019.

Nel 2020 è stato predisposto, inoltre, un manuale che definisce le linee guida per la scelta di materiali a più basso impatto ambientale da impiegare per la realizzazione del packaging.

Infine, le grucce appendiabiti, che già da molti anni sono tutte realizzate in plastica riciclata, sono state riprogettate con un gancio svitabile favorendo così il corretto processo di riciclo.

NOTE

1 Inclusi, a titolo di esempio, biglietti visita, buste, biglietti with compliments, blocchi riparazioni, block notes, cataloghi, cartelline, carta da lettera, schede clienti.

2 Inclusi, a titolo di esempio, rotoli termici, scontrini, carta per plotter.

3 Nella categoria sono inclusi anche i rotoli di carta termica: alcuni componenti di questa tipologia di carta reagiscono al calore, rendendola non riciclabile.

4 Le scatole di confezionamento includono, oltre alle scatole e-commerce, anche altre tipologie quali ad esempio le scatole per i gift, per le scarpe, per gli occhiali, ecc..

5 Alcune scatole contengono calamita, non riciclabile.