È ORA DISPONIBILE LA NUOVA APP
INVESTOR RELATIONS DI MONCLER

INFORMAZIONI REGOLAMENTATE

Per la trasmissione delle Informazioni Regolamentate Moncler S.p.A. utilizza il circuito "eMarket SDIR", gestito da Spafid Connect S.p.A, avente sede in Foro Buonaparte n. 10, Milano. Per lo stoccaggio e deposito delle Informazioni Regolamentate rese pubbliche Moncler S.p.A. si avvale del meccanismo di stoccaggio centralizzato "1Info", consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in via L. Mascheroni 19, Milano.

GOVERNANCE SOCIETARIA
Società di Revisione
  • KPMG S.p.A.
Assemblea
degli Azionisti
Collegio Sindacale
  • Riccardo Losi (P.)
  • Antonella Suffriti
  • Mario Valenti
Organismo di Vigilanza Ex. D. Lgs. 231/2001
  • Lorenzo Mauro Banfi (P.)
  • Carlo Alberto Marchi
  • Riccardo Greghi
Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari
  • Luciano Santel
Consiglio di Amministrazione
  • Remo Ruffini (Presidente e Amministratore Delegato)
  • Virgine Morgon (Vice-Presidente)
  • Nerio Alessandri (Amministratore Indipendente)
  • Sergio Buongiovanni (Amministratore Esecutivo)
  • Marco De Benedetti (Amministratore Indipendente e Lead Indipendent Director)
  • Gabriele Galateri di Genola (Amministratore Indipendente)
  • Diva Moriani (Amministratore Indipendente)
  • Stephanie Phair (Amministratore Indipendente)
  • Guido Pianaroli (Amministratore Indipendente)
  • Luciano Santel (Amministratore Esecutivo)
  • Juan Carlos Torres Carretero (Amministratore)
Direzione Internal Audit
  • Riccardo Greghi
Comitato Parti Correlate
  • Marco De Benedetti (P.)
  • Diva Moriani
  • Guido Pianaroli
Comitato Controllo Rischi e Sostenibilità
  • Gabriele Galateri di Genola (P.)
  • Marco De Benedetti
  • Guido Pianaroli
Comitato Nomine e Remunerazione
  • Diva Moriani (P.)
  • Marco De Benedetti
  • Virgine Morgon
STATUTO
  Statuto vigente
CODICE ETICO

Tendere continuamente all’eccellenza, all’innovazione, al perseguimento di obiettivi sfidanti e alla ricerca di uno stile unico e distintivo, rappresenta la spinta propulsiva del successo di Moncler. Ma questo non basta. Non c’è successo duraturo senza etica e senza responsabilità. Ai propri dipendenti e collaboratori, Moncler richiede di agire con onestà, passione ed integrità e di costruire con gli stakeholder relazioni basate sulla fiducia reciproca, affinché la crescita sia guidata dal principio del valore condiviso. La convinzione che il successo dell’impresa non possa prescindere dall’etica nella conduzione del business, ha spinto il Gruppo a redigere un proprio Codice Etico, che viene applicato in modo uniforme in tutti i Paesi in cui il Gruppo opera. Il Codice Etico è uno dei pilastri del sistema di corporate governance del Gruppo ed è composto da un insieme di principi e linee guida, che ispirano ogni giorno il modo di operare dell’Azienda e che guidano il comportamento dei suoi dipendenti e di quanti collaborano, a vario titolo, con essa nello svolgimento delle loro attività e responsabilità. Il Codice Etico riconosce, condivide e promuove l’etica nel business in ambito economico, sociale e ambientale e ha sezioni dedicate ai diversi stakeholder: dai dipendenti, ai clienti, ai fornitori, fino all’ambiente. Il Codice è anche una parte fondamentale ed integrante del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato da Moncler ai sensi del d.lgs. 231/2001 (il “Modello”). Il Modello si concretizza in un insieme di principi e regole di comportamento, procedure operative e sanzioni disciplinari, finalizzati a prevenire la commissione di illeciti e a garantire un comportamento etico da parte di coloro che operano per conto della Società, nel rispetto dei principi di legittimità, correttezza e trasparenza. Il rispetto del Codice e del Modello sono monitorati da parte degli organi di vigilanza e controllo preposti, tramite attività di verifica e approfondimenti specifici, avviati anche sulla base di segnalazioni relative a comportamenti non conformi ai principi di condotta richiesti da Moncler. I risultati delle verifiche condotte possono portare a provvedimenti sanzionatori che, a seconda della gravità riscontrata, possono arrivare sino all’interruzione del rapporto professionale. L’Organismo di Vigilanza (OdV), che è il soggetto deputato a vigilare in Italia sull’adeguatezza e sul rispetto del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo e dei suoi principi ispiratori, è un organo collegiale formato da tre componenti (due professionisti esterni, con competenze in ambito contabile e legale ed il responsabile della funzione di Internal Audit di Gruppo) ed è collocato in posizione apicale all’interno dell’organizzazione aziendale, allo scopo di garantire l’autonomia da ogni forma di potenziale interferenza.

  Codice Etico
CERCA MONCLERGROUP.COM: