È ORA DISPONIBILE LA NUOVA APP
INVESTOR RELATIONS DI MONCLER

UTILIZZO DELLE MATERIE PRIME

Le materie prime principalmente utilizzate da Moncler sono: tessuti, filati e piuma. In questo ambito l’Azienda collabora continuamente con i propri fornitori e richiede che i processi produttivi siano strutturati in modo tale da ottimizzarne l’uso e il taglio ed evitare quindi sprechi.

 

Anche la carta e il cartone, impiegati per le attività di ufficio o per i packaging di prodotto, sono oggetto di particolare attenzione e di progetti di miglioramento, con riferimento alla certificazione di provenienza, alla percentuale di prodotto riciclato contenuto e, ove possibile, alla limitazione dell’utilizzo fino alla raccolta differenziata finalizzata al riciclo.

 

È stata messa in atto un’azione di promozione a livello mondiale dell’utilizzo di carta proveniente da fonti responsabili, ovvero fonti che garantiscono una gestione delle foreste rispettosa dell’ambiente.
Come conseguenza di questo sforzo congiunto e progressivo, già a partire dal 2017, circa il 100% di carta utilizzata negli uffici e nei negozi proviene da fonti responsabili,

la totalità dei materiali logati utilizzati nel mondo sono realizzati con carta prodotta senza cloro elementare (Elemental Chlorine Free – ECF), proveniente da fonti responsabili e, per quasi il 100% da stabilimenti produttivi certificati ISO 14001.

 

Per quanto riguarda il packaging, le scatole di confezionamento utilizzate sono composte da carta/cartone proveniente da fonti responsabili per la quasi totalità e tutte le shopping bag sono realizzate con carta 100% da fonti responsabili, di cui il 40% derivata da materia prima riciclata, e cartoncino di rinforzo proveniente al 100% da fonti responsabili di cui il 90% derivato da materia prima riciclata. Le shopping bag hanno inoltre degli elementi in cotone.

 

Nell’ottica di sensibilizzare i dipendenti sull’impatto ambientale delle azioni quotidiane e di promuovere comportamenti virtuosi anche negli uffici, a partire dal 2016, presso le sedi corporate italiane, sono stati installati dei codici personali da utilizzare per le operazioni di stampa dei documenti.

L’obiettivo è la responsabilizzazione delle persone e la razionalizzazione del numero di documenti stampati e, conseguentemente la riduzione del consumo di toner e carta.
Nel 2018 il progetto è stato esteso agli uffici della Region EMEA a Parigi e alla sede logistica di Castel San Giovanni (Piacenza).

 

Un altro progetto avviato negli ultimi mesi del 2018, che consentirà una riduzione significativa del consumo di carta, è lo sviluppo di un archivio elettronico delle fatture passive. È stato infatti attivato un programma di digitalizzazione di tutte le fatture passive in Italia, Francia, Austria, Germania e Belgio. Tutto il processo è stato digitalizzato, dalla fase di autorizzazione fino all’archiviazione elettronica della fattura consentendo così di ridurre notevolmente il consumo di carta. Al fine di promuovere sempre di più un approccio “zero carta” il progetto verrà esteso progressivamente ad altri Paesi, compatibilmente con le normative locali.

6 Inclusi, a titolo di esempio, biglietti visita, buste, biglietti with compliments, blocchi riparazioni, block notes, cataloghi, cartelline, carta da lettera, schede clienti

7 Inclusi, a titolo di esempio, rotoli termici, scontrini, etichette, carta per plotter.

8 Nella categoria sono inclusi anche i rotoli di carta termica: alcuni componenti di questa tipologia di carta reagiscono al calore, rendendola non riciclabile.

9 Le scatole di confezionamento includono, oltre alle scatole e-commerce, anche altre tipologie quali ad esempio le scatole per i gift, per le scarpe ecc.

10 Alcune scatole contengono calamita, non riciclabile

CERCA MONCLERGROUP.COM: