È ORA DISPONIBILE LA NUOVA APP
INVESTOR RELATIONS DI MONCLER

DIPENDENTI IN NUMERI

Al 31 dicembre 2016 il numero totale dei dipendenti del Gruppo Moncler era pari a 3.216, in aumento di 792 persone rispetto ai 2.424 del 2015. Crescita caratterizzata dall’aumento dell’organico in quasi tutti i Paesi in cui il Gruppo è presente.
In particolare, ad aprile Moncler ha finalizzato il processo di costituzione di un’unità produttiva in Romania, attraverso l’assunzione di circa 600 dipendenti, successivamente integrati con l’unità di confezionamento già acquisita nel 2015 ed ora operante in un’unica unità con 862 dipendenti.

AREE GEOGRAFICHE E CATEGORIE PROFESSIONALI

L’area geografica dove si concentra la maggior parte dell’organico è l’EMEA. A livello di singolo Stato, i Paesi che impiegano un numero maggiore di dipendenti sono: Italia (23,0%), Romania (26,8%) e Giappone (10,4%).
La categoria professionale che registra il maggior numero di dipendenti è quella degli impiegati, quale diretta conseguenza del modello di business di Moncler che ha una forte concentrazione nell’area retail (45,5% della popolazione aziendale totale è occupata nei punti vendita).

NUMERO DIPENDENTI
DIPENDENTI PER AREA GEOGRAFICA
DIPENDENTI PER CATEGORIA PROFESSIONALE1
FASCIA D’ETÀ, ANZIANITÀ AZIENDALE E TITOLO DI STUDIO

La maggioranza dei dipendenti (38%) si colloca in una fascia di età compresa tra i 31 e i 40 anni; l’età media è di 37 anni.

Relativamente all’anzianità aziendale, si registra una maggiore concentrazione nella fascia “0-5 anni” (90% della popolazione), un dato direttamente correlato alla forte e recente crescita del Gruppo.

Infine, con riferimento al titolo di studio, si rileva che la maggior parte dei dipendenti (71%) ha un titolo di studio medio-alto (37% possiede un titolo di laurea o equiparabile e il 34% un’istruzione media superiore).

DIPENDENTI PER FASCIA D’ETÀ
DIPENDENTI PER ANZIANITÀ AZIENDALE
DIPENDENTI PER TITOLO DI STUDIO2
NAZIONALITÀ DEL MANAGEMENT LOCALE

Moncler opera direttamente in circa 70 Paesi nel mondo, attraverso uffici locali, dove è presente senior management che, in collaborazione e sinergia con le sedi corporate, gestisce le aree di competenza.

Pur non avendo una policy specifica a riguardo, il Gruppo da sempre privilegia profili professionali locali, laddove questi ultimi abbiano competenze e caratteristiche idonee, al fine di acquisire nell’organizzazione forti conoscenze delle dinamiche competitive e della cultura del Paese.

Questo aspetto, unito alla grande capacità di integrazione organizzativa su scala globale, si è tradotto in una significativa creazione di valore per il Gruppo.
I senior manager delle varie Region, senza differenze sostanziali tra generi, provengono per il 97% dalla comunità locale.

SENIOR MANAGER DI NAZIONALITÀ LOCALE
TIPOLOGIA DI CONTRATTO

Il 79% dei contratti è a tempo indeterminato, in crescita rispetto all’anno precedente, di cui il 93% a tempo pieno.

I contratti a tempo determinato sono principalmente legati alla stagionalità di alcune attività di business e commerciali.

Nel corso del 2016, 96 contratti a tempo determinato sono stati trasformati in contratti a tempo indeterminato.

A fine 2016, le altre forme di collaborazione (stage, co.co.pro, ecc.),

nell’ambito di quanto previsto dalle disposizioni di legge e in relazione alle esigenze di business, hanno riguardato ulteriori 162 persone.

CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E INDETERMINATO
TURNOVER

Nel corso del 2016 sono state assunte oltre 1.200 persone, la crescita è stata guidata principalmente dallo sviluppo della rete di punti vendita diretti, dal rafforzamento delle strutture corporate e dall’istituzione di nuove funzioni organizzative. Tra gli assunti, il 47% è rappresentato da giovani di età inferiore ai 30 anni, a dimostrazione dell’impegno del Gruppo a voler investire sulle nuove generazioni.

Inoltre, le variazioni di perimetro hanno comportato un aumento netto di organico di circa 600 unità, per effetto del completamento del processo di costituzione dell’unità di confezionamento in Romania.
Nel corso dell’anno, le persone che hanno lasciato il Gruppo sono state in totale oltre 1.000, di cui 670 per cessazione di contratti a termine.

In relazione al turnover negativo, pari al 213, è importante evidenziare che è principalmente guidato dalle uscite del personale retail, che rappresentano il 74% degli usciti, un fenomeno considerato piuttosto “fisiologico” rispetto alle dinamiche competitive del settore di attività.

TURNOVER DIPENDENTI

NOTE

1 I dipendenti sono ripartiti in cinque macrocategorie: operai, impiegati, professional, manager, dirigenti/dirigenti senior.
Dirigenti/dirigenti senior: include i dirigenti che sono il primo e il secondo livello più alto di una funzione aziendale/business unit e che
quindi contribuiscono alla definizione della strategia aziendale o di quella funzionale, con impatto diretto sulle rispettive prestazioni.
Manager: include coloro che sono responsabili dell’implementazione di determinate attività e processi operativi, generalmente
attraverso la gestione diretta di un gruppo di persone. In questa categoria rientrano anche i senior manager, che hanno la responsabilità
di implementare la strategia aziendale o funzionale, attraverso la guida e la gestione di risorse.
Professional: coloro che posseggono competenze specialistiche e gestiscono attività o parti di processo rilevanti per l’organizzazione.
Può essere affidato loro il coordinamento di un gruppo di tecnici.
Impiegati: coloro che eseguono mansioni operative specializzate e/o compiti generalmente definiti dal responsabile di riferimento.
Operai: include i lavoratori che hanno mansioni operative all’interno dell’Azienda.

2 Nel 2016 non è stato possibile rilevare il titolo di studio di 149 dipendenti, in quanto il dato non è disponibile.

3 Il turnover negativo è calcolato rapportando i dipendenti a tempo indeterminato usciti (363) nel corso del 2016 al totale dipendenti a tempo indeterminato (1.733) in forza al 31 dicembre 2015.

4 I dati si riferiscono sia ai dipendenti a tempo determinato che a quelli a tempo indeterminato.