Da diversi anni Moncler promuove iniziative e sponsorizza progetti che mirano a sostenere le comunità locali e diverse organizzazioni benefiche attraverso elargizioni in denaro, donazioni di prodotti e sostegno organizzativo a progetti nazionali ed internazionali.

L’impegno si concretizza in iniziative riconducibili principalmente a cinque aree di intervento: ricerca scientifica e prevenzione, supporto a popolazioni in situazioni di emergenza, educazione e giovani che vivono in condizioni disagiate, protezione dell’ambiente e tutela del patrimonio culturale, storico ed artistico.

A queste si aggiungono attività a sostegno delle comunità locali che si trovano nelle aree adiacenti alle sedi principali di Moncler e che sono il frutto di confronti con le autorità o la popolazione. I responsabili locali delle sedi principali dell’Azienda infatti interagiscono e intrattengono un dialogo costante con i rappresentanti della comunità e delle amministrazioni territoriali, al fine di valutarne i bisogni, le aspettative e l’impatto delle attività di Moncler sulla comunità e garantire consenso sociale.  Nel 2015 le risorse destinate da Moncler a supporto delle comunità locali sono state circa 885 mila euro1.

Il Gruppo da sempre crede nella ricerca e nell’innovazione quali fattori chiave per il continuo sviluppo e miglioramento. 

Questa convinzione va oltre i confini dell’Azienda. Moncler si impegna infatti affinché la ricerca venga costantemente sostenuta anche nel settore medico-scientifico; per questo supporta attivamente i ricercatori nella loro attività quotidiana attraverso finanziamenti ed erogazioni di borse di studio.

Nel 2015 sono stati devoluti 117.000 euro per borse di studio e finanziamenti a supporto dei ricercatori della Fondazione Umberto Veronesi e dell’Istituto Europeo di Oncologia, ed effettuate donazioni a favore della ricerca o, genericamente a sostegno dei malati, supportando diverse associazioni e fondazioni tra cui AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), Fondazione IRCCS – Istituto Nazionale dei Tumori, amfAR Foundation e AIL – Associazione Italiana contro le Leucemie.

Anche i giovani e il loro futuro sono una tematica particolarmente cara a Moncler che da molti anni sostiene le nuove generazioni in difficoltà per garantire loro l’accesso a cure mediche, un livello di educazione adeguato e un percorso di crescita sereno, attraverso collaborazioni con associazioni e fondazioni tra cui Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus, Save the Children, Comunità San Patrignano, Basketown, Croce Rossa Italiana, Fondazione De Marchi, Together To Go, Oxfam, Voices for Children, Great Ormond Street Hospital, Dynamo Camp, World of Children Award,  

I Bambini delle Fate, A.E.M. – un Avenir pour les Enfants du Monde, Action Innocence e Amici delle Missionarie dell’Immacolata.

Il supporto alle comunità trova poi la sua espressione più naturale nel sostegno ad iniziative a favore della montagna. Nel nome stesso del marchio sono racchiuse le sue origini: il nome Moncler nasce infatti dall’abbreviazione di Monestier-de-Clermont, villaggio sulle montagne vicino a Grenoble in Francia, dove è stata fondato. Il legame con la montagna ha spinto il marchio a supportare attivamente alcune delle più note spedizioni, quali la spedizione italiana sul K2 (1954) e la spedizione francese sul Makalù (1968) fornendo l’equipaggiamento tecnico necessario. Negli ultimi anni la maison ha supportato le iniziative Keep Karakorum Clean e Keep K2 Clean dell’Associazione Ev-K2-CNR, finalizzate alla protezione delle montagne.

Nel 2015 Moncler ha voluto condividere l’interesse per l’ambiente e per la sua tutela con i propri dipendenti italiani, regalando a ciascuno di loro un albero piantato ai piedi del Kilimangiaro, tramite l’iniziativa Treedom: sono stati così piantati 450 alberi che ogni anno consentiranno di abbattere circa 230 tonnellate di CO2.

NOTE

1Il dato include sia le elargizioni liberali in denaro sia le donazioni di capi.